I messaggi non devono essere ingiuriosi o diffamatori. Per aggiungere un messaggio bisogna: 1) cliccare su "SCRIVI", 2) SCRIVERE..., 3) COPIARE i quattro caratteri di controllo antispam della casellina nera in quella sottostante 4) cliccare su "POST MESSAGE"

General Forum
Start a New Topic 
Author
Comment
è giunto il tempo di svegliarsi?

Quando si auspica un'azione del popolo
ma questo resta inerte,
vien da pensare a queste parole:

L'indifferenza è il peso morto della storia.
È la palla di piombo per il novatore,
è la materia inerte in cui
affogano spesso gli entusiasmi più splendenti,

è la palude che recinge la vecchia città
e la difende meglio delle mura più salde,
meglio dei petti dei suoi guerrieri,
perché inghiottisce nei suoi gorghi limosi
gli assalitori, e li decima e li scora
e qualche volta li fa desistere
dall'impresa eroica.

Antonio Gramsci

La politica è morta. Ora lo dicono tutti
da destra e da sinistra, dal centro e dalle estreme.
La politica in Italia, quella che trasforma
un essere umano in un assertore tenace della sua idea partitica,
non c’è più.
Da troppo tempo chi corre per le poltrone
non combatte più per un ideale ma lo “aggiorna” in corsa.
Non lo fanno per il popolo, per se stessi e
per clientele ed amicizie interessate.

Opportunismo è la parola che li identifica.
L'Italia è un TITANIC in balia di cantastorie,
pifferai magici, con più mandati disattesi.

Portano a casa 200.000 Euro annui
per non fare gli interessi del popolo.
Noi continuiamo a votarli
pensando ci siano differenze tra gli uni e gli altri
ma non è così: è come se fossero un grande partito.
Tutti in uno: tanto sono uguali gli effetti.
Non abbiamo politiche ambientali, sociali, edilizie,
strutturali, economiche, organizzative,
non abbiamo un cavolo, se non
migliaia di parassiti governativi ed amministrativi.

Non sappiamo dire basta:
dovremmo noi, impegnarci ed agire.

Non sappiamo far vivere questo movimento politico,
che è fuori dagli schemi degli accordi e degli intrallazzi
delle sedi dei partiti e del palazzo, ma anche
fuori dalla nostra capacità di organizzarci.
Non sappiamo legarci gli uni agli altri
per costruire insieme senza misurare l’impegno.
Il pensiero che vige ora è quello della misura del ritorno:
il bene comune potrebbe favorire qualcun altro.
Cerchiamo di essere dalla parte di chi sfrutta:
aspettiamo il lavoro sicuro;
ad intraprendere si rischia troppo.
Spremiamo chi si espone e si impegna
e lamentiamoci se non è disinteressato nel suo impegno.
Continuiamo così.